Le 10 caratteristiche che “fanno” un imprenditore

Le 10 caratteristiche che “fanno” un imprenditore

Ogni tanto, quando incontro qualcuno che mi vuole parlare di una nuova idea di impresa, mi sento rivolgere la domanda: “Ma imprenditore si nasce o si diventa?”. Se da un lato non ho una risposta a questa domanda — che a tratti può diventare un dilemma come quello relativo a chi è nato prima, tra l’uovo e la gallina — dall’altro penso che la domanda debba essere posta in termini diversi: “Quali sono le caratteristiche che deve avere un imprenditore?”. Perché sono queste le caratteristiche che servono: poi che uno le abbia nel proprio DNA o che si formi per ottenerle, tutto sommato poco cambia.

Nella mia professione ho ormai incontrato tantissimi imprenditori. Alcuni di grande successo, altri capaci di barcamenarsi, altri ancora più zoppicanti. Pensando a loro e al loro modo di essere e di fare sono giunto alla conclusione che ci siano 10 caratteristiche che “fanno” un imprenditore, oggi più che in passato.

1. Gli imprenditori sanno assumere dei rischi
Avviare un’impresa è un’attività che porta un rischio in sé. Secondo alcuni “senza rischio non c’è guadagno” ed è un’affermazione sostanzialmente vera. L’imprenditore, quindi, si assume dei rischi e sa farlo in maniera ponderata. Non rischia tanto per rischiare, non fa “scommesse” se non per lo scopo di divertirsi o di mettersi alla prova: al contrario, rischia dopo aver valutato, con tutti gli elementi che può avere a disposizione, pro e contro di ogni sua scelta.

2. Gli imprenditori sono tenaci
Anche agli imprenditori più illuminati può capitare di doversi sacrificare molto per ottenere ciò che desiderano. E chiunque lavori in proprio sa che in questa attività non ci sono orari, non ci sono festività, non ci sono riposi per malanni e indisposizioni. Al contrario: ci sono ogni giorno mille cose da fare. E quando le idee che circolano per la testa sono tante, è la tenacia a fare la differenza tra un grande imprenditore e un imprenditore improvvisato.

3. Gli imprenditori hanno fiducia in loro stessi
Sì, anche gli imprenditori sperimentano difficoltà. Qualcosa può sempre andare storto, un risultato atteso può non arrivare, … Ma l’imprenditore che ha fiducia nella sua visione troverà insegnamenti anche dagli insuccessi e impiegherà pochissimo tempo per rialzarsi e ripartire. Lo diceva già Thomas Edison: “Non ho fallito. Ho solamente provato 10.000 metodi che non hanno funzionato”.

4. Gli imprenditori sanno adattarsi
Oggi, il mondo cambia ad una velocità incredibile. Lo stesso si può dire del mercato, dell’economia, della tecnologia applicata al mondo dell’impresa, … Un imprenditore di successo sa cavalcare questi cambiamenti, sa adattare sé stesso e la sua impresa ogni giorno, perché è consapevole che questo è l’unico modo per uscire vincitore da queste sfide continue.

5. Gli imprenditori sono curiosi
La curiosità è un tratto distintivo per gli imprenditori che hanno successo. Perché cercano i problemi del mercato e sfruttano le proprie competenze per trovare delle soluzioni. Ed è sempre la curiosità a spingere a trovare nuove strategie e nuove soluzioni per la propria impresa, anche quando questa è già avviata. L’imprenditore che non è curioso è un imprenditore fermo. E oggi la fissità non paga più.

6. Gli imprenditori si riposano poco
Può sembrare una sciocchezza ma un corollario del secondo punto è che i tempi di riposo, per chi fa impresa, sono davvero pochi. Imparare a convivere con lunghe nottate passate al lavoro o con sveglie ad orari antelucani e a trovare, in ogni giorno, il periodo in cui è più produttivi è necessario per chi vuole fare impresa di questi tempi.

7. Gli imprenditori sanno pensare “in grande”
In ogni scelta che fanno, in ogni persona che assumono, in ogni progetto che avviano, … gli imprenditori di successo guardano ben oltre l’orizzonte. Pensano sì ai risultati di breve periodo ma sono molti più interessati all’obiettivo di lungo periodo che intendono raggiungere. Detto in altri termini, non pensano mai solo all’”oggi” ma pensano all’”oggi” nella prospettiva del “domani”.

8. Gli imprenditori desiderano costruire cose
Non intendo riferirmi necessariamente a cose fisiche, che si possono toccare. Intendo, piuttosto, che agli imprenditori piace mettere insieme cose, risorse, capitali, persone, … per realizzare qualcosa da poter mostrare al mondo. E, per loro, ogni cosa realizzata (che sia un prodotto, un nuovo stabilimento, un software, un brevetto, …) è una sfida vinta.

9. Gli imprenditori sono competitivi
Gli imprenditori sono sempre in competizione, con i propri concorrenti o anche con sé stessi. Sono in una gara continua, nella quale vogliono sempre primeggiare. Attenzione: non primeggia chi ha più soldi in banca ma primeggia chi è in grado di offrire il servizio migliore, chi sa mettere a disposizione del mercato qualcosa di nuovo, chi è in grado di realizzare il progetto più ambizioso.

10. Gli imprenditori sanno divertirsi
Gli imprenditori di successo sono quelli che hanno scoperto qual è il loro gioco preferito, dal quale possono ottenere un reddito. Affrontano la loro attività come un grande gioco al quale prendono parte come degli atleti professionisti: si preparano, si allenano, studiano strategie, fanno squadra, analizzano i risultati raggiunti, imparano dagli errori, … E, alla fine, si divertono. Per loro quella dell’imprenditore non è una professione: è l’unico modo che hanno a disposizione per vivere divertendosi.

Stai pensando di avviare un'attività e vuoi essere sicuro di partire col piede giusto? Contattaci:

Nome e Cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Azienda

Sito web

Il tuo messaggio

Per favore, puoi inserire il codice captcha nel campo qui in basso? Grazie 🙂

Simone D. Casadei Bernardi

Post author

Sono un consulente di direzione aziendale: mi occupo di controllo di gestione e di internazionalizzazione delle imprese. In altre parole, aiuto gli imprenditori a tenere sotto controllo i loro “numeri” e, di conseguenza, ad incrementare il valore delle loro imprese, e a favorirne l’ingresso nei mercati stranieri. Freelance dal 2007, ho lavorato per un importante gruppo bancario italiano. Sono iscritto all’Associazione Consulenti Terziario Avanzato e mi muovo tra l’Italia, il Regno Unito e i Paesi del Baltico.

Leave a Reply