Perchè la Home Page del tuo sito è così importante

Perchè la Home Page del tuo sito è così importante

Recentemente mi è capitato di analizzare diverse Home Page di siti che trattano “vini” per capire qual era la percezione dei visitatori a primo impatto. Se è vero che la Home Page è letteralmente la “Pagina Casa” ci si aspetta che sia proprio questa a focalizzare l”attenzione su qualcosa.

Ho preso dunque tre siti internet di tre cantine diverse cercando su google la chiave “cantine siciliane”.

http://www.cantinenicosia.it/

Si presenta ricco di informazioni, da l”idea di un”azienda dinamica, attenta al mondo del vino e si presenta sotto le vesti di un portale il che se da un lato restituisce al sito e all”azienda un”impronta importante, dall”altro può generare confusione e disorientamento, caratteristiche proprie dei portali quando sono ricchi di informazioni.
Sembrerebbe dunque che l”azienda abbia voluto dare più importanza ai contenuti dinamici piuttosto che al vino. Come dire: “Parlo del vino e indirettemente parlo anche di me.” il che non dispiace ma personalmente avrei creato un magazine ad hoc e avrei pensato ad un sito più aziendale e meno giornalistico.

http://www.duca.it/

Il Gruppo Duca di Salaparuta si presenta con una homepage di presentazione del gruppo. Dalla home si decide se visitare i vini Corvo, i vini Duca di Salaparuta o i vini Florio. Una sezione poi è dedicata alle news, un Wine Browser che ti permette di scegliere il vino per ogni occasione Angels Camp (ndr: è una genialata) e ovviamente l”integrazione con facebook. Questa scelta credo che sia stata la più corretta o forse l”unica strada percorribile. Descrivere in una sola pagina un gruppo come Duca sarebbe stato pericoloso: il rischio che si correva sarebbe stato quello di creare confusione e far scappare il navigatore verso altri siti.

http://tascadalmerita.it/it/home/

Secondo voi, dalla home page, di cosa stiamo parlando? Beh, io se non conoscessi i vini di Tasca (ndr: provate cignus, è fenomenale!) non saprei cosa fare. Cercando di essere però critici senza alcuna interferenza personale, l”azienda sembra aver voluto focalizzare l”attenzione sui FOCUS, una serie di messaggi ritenuti importanti per.. per chi? Per l”azienda o per il consumatore? A voi la sentenza.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sulle attività di comunicazienda? Contattaci:

[contact-form-7 id=”880″ title=”consulenza”]

Post author